Produttività
Pubblicato il Mag 11, 2022
Ultimo aggiornamento 11.05.2022

·

Gestione delle riunioni strategiche: perché scegliere una soluzione sicura?

Aumento degli attacchi informatici, ricorso al telelavoro, smaterializzazione dei documenti…La trasformazione digitale ha un impatto non solo sull’organizzazione delle riunioni strategiche aziendali, ma anche sulla loro esposizione ai rischi. Sono nati strumenti collaborativi online per sostenere le organizzazioni nella gestione di queste riunioni, ma è vero che sono pochi quelli a offrire un livello ottimale di sicurezza dei dati. Scopriamo insieme quali sono i rischi che motivano le organizzazioni a integrare soluzioni di gestione delle riunioni strategiche online e in sicurezza.

Organizzazioni sempre più esposte

Iniziamo con una semplice constatazione: la situazione relativa agli attacchi informatici è preoccupante. Infatti, secondo l’ultimo rapporto dell’ANSSI (Agence nationale de la sécurité des systèmes d’information – Agenzia nazionale per la sicurezza dei dati informatici), il numero di intrusioni che si sono verificate nei sistemi di informazione ha segnato un aumento del 37 % tra il 2020 e il 2021[1]. Ricordiamo che questi attacchi informatici possono causare danni molto gravi e portare talvolta anche al fallimento[2]. A titolo di esempio, il gruppo di lingerie di alta gamma Lise Charmel ha dovuto sottoporsi ad amministrazione controllata per mettersi al riparo dopo un attacco informatico[3].

Al di là delle vulnerabilità tecniche, i pirati informatici approfittano della generalizzazione delle riunioni strategiche in formato ibrido. Quindi le riunioni di revisione finanziaria, le presentazioni dei bilanci annuali, e i consigli di amministrazione rappresentano un punto di ingresso ideale per queste intrusioni. Questi momenti chiave nella gestione delle organizzazioni costituiscono un’opportunità per accedere a documenti confidenziali scambiati tra i partecipanti, indipendentemente dal tipo di organizzazione (PMI, grandi gruppi, OIV, OSE, ecc.).

Verso una presa di coscienza della sovranità e delle norme in materia di sicurezza dei dati

Disporre di una soluzione che metta in sicurezza i dati è una cosa, ma si deve ancora sapere in quale forma questa messa in sicurezza si effettua e qual è il suo perimetro di applicazione.

Un caso illustra perfettamente questa necessità di protezione specifica dei dati sensibili: quello dell’amministrazione francese che ha recentemente deciso di intervenire per proteggere i dati sensibili in suo possesso. Quindi questi dati non devo più essere conservati sui servizi cloud di Microsoft 365 per proteggerli da un eventuale falla nella sicurezza o da un “utilizzo improprio da parte dei servizi segreti americani”[4]. infatti, tramite il «Cloud Act», il governo americano può avere accesso ai dati conservati sui servizi cloud americani (AWS, Azure, GCP), anche se questi appartengono ad aziende straniere.

Per questo la scelta di una soluzione di gestione delle riunioni strategiche online deve essere fatta prendendo in considerazione la conservazione dei dati. Bisogna scegliere tra la conservazione in datacenter europei o altrove! Ricordiamo l’esistenza dell’etichetta “SecNumCloud” fornita dall’Agenzia nazionale per la sicurezza dei dati informatici che garantisce l’applicazione del quadro giuridico europeo più rigido in materia di protezione dei dati[5].

Al di là dell’adattamento all’era del lavoro ibrido, la scelta di una soluzione sicura in relazione alla gestione delle riunioni strategiche si impone per ragioni di accesso ai dati, di protezione dei documenti sensibili di fronte agli attacchi informatici, di fiducia interna dal punto di vista dei partecipanti e infine per la conformità ai quadri normativi in vigore.



[1] https://www.ssi.gouv.fr/actualite/une-annee-2021-marquee-par-la-professionnalisation-des-acteurs-malveillants/

[2] https://www.cio-online.com/actualites/lire-la-survie-des-entreprises-en-cause-en-cas-de-cyber-attaque-13409.html

[3] https://www.lefigaro.fr/societes/apres-une-cyberattaque-lise-charmel-se-place-en-redressement-judiciaire-20200310

[4] https://siecledigital.fr/2021/09/24/etat-francais-micorost-365/

[5] https://www.zdnet.fr/actualites/secnumcloud-tout-comprendre-en-cinq-points-39916267.htm



Contribuenti dell'articolo
Condividi su email
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook

Letture correlate

Consiglio di amministrazione, comitato direttivo: 10 soluzioni per organizzare le riunioni online

Produttività, Produttività

Lug 27, 2022

I 10 termini da conoscere per padroneggiare la firma elettronica

Lug 21, 2022

Per settore

Infrastrutture critiche e servizi essenziali

Servizi Finanziari

Sanità

Pubblica amministrazione

Energia

Aerospaziale e difesa

Per reparto

Marketing & Vendite

R&S e progettazione

Legale

Risorse umane

Risk e compliance

Finance

Sicurezza dei dati