Produttività
Pubblicato il Nov 05, 2019
Ultimo aggiornamento 29.03.2022

·

Quali sono i vantaggi del cloud per le aziende?

Conoscete i vantaggi del cloud per la vostra azienda?

Le aziende di tutte le dimensioni e di tutti i settori si convertono sempre più, giorno per giorno, al cloud. Gartner prevede una crescita mondiale annuale del cloud pubblico vicina al 20% entro il 2021. Secondo la società di analisi, gli investimenti nel cloud dovrebbero aumentare del 50% entro il 2022. Ma perché tanto entusiasmo per questa tecnologia? Quali sono i vantaggi del cloud per le aziende?

In base allo standard SecNumcloud, elaborato dall’ANSSI (Agence nationale de sécurité des systèmes d’information) il cloud computing può essere definito come un modello di gestione informatica che permette l’accesso tramite una rete a risorse informatiche condivise e configurabili. Queste risorse sono attribuite alla domanda e a volte in self-service. Si tratta della più alta qualifica in materia di sicurezza informatica, e oodrive è stato il primo fornitore cloud a ottenerla.

Il documento precisa che la differenza tra un’archiviazione esterna condivisa classica e un’archiviazione di tipo informatico nel cloud risiede nel fatto che quest’ultima si distingue talvolta per la messa a disposizione di risorse in modo dinamico o automatico, senza l’intervento umano dell’host.

Il cloud, o cloud computing, esiste in diverse forme. Ciascuna presenta vantaggi in funzione delle esigenze di ogni azienda. SaaS, PaaS, IaaS: a voi la scelta. Ma veniamo a conoscenza delle specificità di ciascun sistema.

IaaS: esternalizzate la vostra infrastruttura informatica materiale

Che cosa si intende con fornitura di servizi IaaS (Infrastructure as a Service). In base allo standard SecNumcloud, questo servizio riguarda la messa a disposizione di risorse informatiche astratte (potenza CPU, memoria, archiviazione, ecc.). Il modello IaaS permette all’azienda di disporre di risorse esternalizzate potenzialmente virtualizzate. Mantiene quindi il controllo sui sistemi operativi, l’archiviazione, le applicazioni distribuite nonché su alcuni componenti di rete (per esempio i firewall).

Con questa soluzione l’azienda gestisce i server middleware e i sofware applicativi. Il fornitore cloud, da parte sua, gestisce l’hardware per server, i sistemi operativi, gli ambienti virtuali, l’archiviazione e la rete.

PaaS: subappaltate la vostra infrastruttura materiale e le vostre applicazioni middleware

Con questa soluzione l’azienda non ha il controllo dell’infrastruttura tecnica sottostante, gestita dal fornitore (rete, server, SO, archiviazione, ecc.). Questa ha tuttavia il controllo delle applicazioni distribuite sulla piattaforma.

In questo contesto il fornitore cloud gestisce la piattaforma di esecuzione delle applicazioni dell’azienda, composta da server, software di base e dall’infrastruttura.

SaaS: la formula tutto compreso

Cosa dovete aspettarvi con la fornitura di servizi SaaS? Questo servizio, in base allo standard SecNumCloud, riguarda la messa a disposizione da parte di un fornitore di applicazioni conservate su una piattaforma condivisa. L’azienda non ha il controllo dell’infrastruttura tecnica sottostante. Il fornitore di servizi gestisce in modo trasparente tutti gli aspetti tecnici che richiedono competenze informatiche. Uno dei vantaggi di questa soluzione è che non necessita di investimenti o di spese per l’infrastruttura, poiché questi sono presi in carico dal fornitore del servizio.

I diversi modelli del Cloud e i loro vantaggi

In funzione delle necessità o delle esigenze in materia di sicurezza, un’azienda potrà scegliere un cloud pubblico, un cloud privato o un cloud ibrido. Ogni modello presenta caratteristiche proprie. Nell’ambito di un cloud pubblico i server e gli applicativi sono condivisi. Questa soluzione è particolarmente interessante in termini di costi.

Il cloud privato è generalmente privilegiato nelle aziende in cui vi sono elevate ed inevitabili esigenze in materia di sicurezza. Infatti questa soluzione si basa sulla personalizzazione delle risorse e dei servizi. L’azienda può scegliere una terza via, vale a dire il cloud ibrido. In questo caso l’azienda combina le risorse del cloud pubblico e del cloud privato. Può così approfittare di una grande flessibilità e di un’infrastruttura adeguata alle proprie esigenze.

Ora che sono stati presentati i cloud in tutte le loro forme, è il momento di entrare nel vivo dell’argomento. Perché questa tecnologia attira sempre più imprese? Accessibilità, flessibilità, risparmio di tempo e denaro…Quali sono i vantaggi del cloud?

I vantaggi del cloud

Uno dei grandi vantaggi del cloud è la sua flessibilità. Infatti è possibile fare evolvere un’infrastruttura cloud in funzione delle esigenze dell’azienda. Le capacità sottoscritte nel quadro dell’abbonamento sono adattabili per affrontare i picchi di attività. Il cloud permette di accompagnare lo sviluppo di un’attività. L’azienda viene liberata dai vincoli associati al suo parco informatico, in particolare in termini di potenza di calcolo, di spazio di archiviazione o del numero degli utenti.

Agilità e accessibilità

Tra i vantaggi del cloud è importante citare anche l’agilità e l’accessibilità. Le soluzioni cloud sono accessibili in qualsiasi momento, da qualsiasi supporto, tramite una semplice connessione Internet. Il cloud è una vera risorsa per migliorare l’agilità e la mobilità dei collaboratori. L’accesso costante ai servizi permette di migliorare la collaborazione con i propri colleghi o gli interlocutori esterni all’azienda. Secondo la stessa logica, il lavoro nomade e da remoto è altrettanto agevolato tramite l’utilizzo del cloud. La condivisione dei dati in tempo reale permette di avere miglioramenti effettivi nella produttività.

Rapidità e semplicità

Tra i vantaggi del cloud non bisogna dimenticare il dispiegamento rapido e la semplicità di integrazione. La messa in funzione di una soluzione cloud avviene effettivamente in poco tempo. Il servizio è disponibile rapidamente. Dopo aver completato l’installazione, le applicazioni cloud sono generalmente facili da adottare da parte dei collaboratori.

Cloud e sicurezza: l’associazione impossibile?

La sicurezza è stata per lungo tempo uno dei freni principali all’adozione del cloud all’interno dell’azienda. Ma poi le aziende hanno preso coscienza dei vantaggi del cloud, in particolare per quel che concerne la protezione dei loro dati. Oggi è possibile, da parte dei fornitori di soluzioni cloud, portare solidi argomenti a sostegno del livello di sicurezza dei loro strumenti. La qualifica SecNumCloud, per esempio, ha l’obiettivo di fissare un alto livello per quel che riguarda la sicurezza che devono attendersi le aziende e gli organismi governativi da parte dei loro fornitori CSP (Cloud service provider). L’ottenimento di questa qualifica si basa sulle esigenze applicabili ai fornitori di servizi di cloud computing stabilite dall’ANSSI nell’ambito di uno standard. Basata inizialmente sulle specifiche dell’ISO27001, rinforzata decisamente a livello tecnico e completata dagli impegni di servizi e localizzazione europea dei dati, l’ottenimento della qualifica SecNumCloud impone l’aumento dei requisiti di conformità tecnica, organizzativa, contrattuale e normativa.

secnumcloud-cloud-prive

Scopri di più sulle soluzioni cloud di Oodrive

Contribuenti dell'articolo
Condividi su email
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook

Letture correlate

Cinque consigli per scegliere il vostro strumento di gestione delle riunioni di governance

Produttività

Mag 16, 2022

Gestione delle riunioni strategiche: perché scegliere una soluzione sicura?

Produttività

Mag 11, 2022

Per settore

Infrastrutture critiche e servizi essenziali

Servizi Finanziari

Sanità

Pubblica amministrazione

Energia

Aerospaziale e difesa

Per reparto

Marketing & Vendite

R&S e progettazione

Legale

Risorse umane

Risk e compliance

Finance

Sicurezza dei dati